BORGHEZIO – “ RISO: UNA PRIMA PRONUNCIA PRO DAZI ! ”L´eurodeputato Mario BORGHEZIO saluta positivamente la decisione presa durante il “Forum della filiera europea del riso” tenutosi recentemente a Milano, in cui finalmente i rappresentanti dei sette principali paesi produttori di riso europei (fra cui l´Italia) hanno redatto un documento unitario indirizzato alla Commissione Europea per superare i problemi dovute all´eccessiva liberalizzazione delle importazione e alla caduta dei principali dazi. “Da tempo – ricorda Borghezio – avevo denunciato il pericolo connesso all´azzeramento dei dazi nei confronti di paesi quali Cambogia e Myanmar, che ha portato, dal 2009 ad oggi, a un aumento esponenziale delle importazioni di un prodotto di qualità sensibilmente inferiore”. “Ora che é stato stilato questo documento in cinque punti che affronta vari problemi, come la reciprocità fra la UE e i paesi terzi nell´ambito fitosanitario e commerciale o l´effettiva applicazione della clausola di salvaguardia nelle importazioni dai paesi del sud-est asiatico – conclude Borghezio – il Ministro Martina rompa gli indugi, si accordi con gli altri paesi produttori in Europa, porti velocemente le richieste al tavolo della Commissione e le sostenga senza riserva. La risicoltura italiana non può aspettare ancora per colpa dei balletti della politica !” On. Mario Borghezio Deputato Lega Nord al P.E.

ue1

Immagine | Pubblicato il di

PER LA TRAGEDIA DI NIZZA : BORGHEZIO DENUNCIA VARIE INADEMPIENZE

Mario BorghezioAl termine di 3 giorni di permanenza a Nizza e di stretti contatti con alcuni italiani vittime dell’attentato di Nizza e con i loro famigliari, preso atto di veri aspetti della situazione, sento il dovere di rendere pubbliche le seguenti osservazioni:

1) evidenti e gravi le colpe in vigilando dei responsabili francesi, locali e nazionali, della sicurezza della manifestazione del 14 luglio a Nizza;

2) preoccupazione circa l’entità dei fondi effettivamente disponili per il risarcimento di tutti i danni subiti dalle vittime, italiani in primis, e della loro tempistica, essendo ancora incompleti i risarcimenti dei precedenti attentati in Francia;

3) deplorazione delle condizioni, a dir poco irrispettose, anche dei fondamentali diritti religiosi, della custodia delle salme delle vittime, ancora oggi ricoverate senza nome in furgoni-frigo privati;

4) necessità urgente di predisporre, a livello europeo:

a) un adeguato fondo per il risarcimento delle vittime del terrorismo islamista, qualora i fondi nazionali non risultino sufficienti;

b) un adeguato coordinamento dell’assistenza, anche legale, delle vittime e dei loro famigliari, risultata, attualmente, insufficiente.

Non mancherò domani di prendere la parola anche su questi punti nella commissione AFET (esteri) convocata d’urgenza a Bruxelles al Parlamento europeo.

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Pubblicato in Uncategorized

BORGHEZIO : A QUALE TITOLO, ORA, L’INGLESE E NON L’ITALIANO COME LINGUA “DI LAVORO” DELL’UE ?

Mario Borghezio“Con l’uscita della Gran Bretagna dall’UE e la richiesta irlandese dell’uso esclusivo del gaelico, a quale titolo può essere ancora imposto l’inglese e invece escluso l’italiano fra le lingue “di lavoro” dell’Europa? Dovrebbe essere doveroso, da parte di tutti i rappresentanti dell’Italia al PE, chiedere che sia posto rimedio a questa ingiusta esclusione della lingua di un Paese fondatore.

Una battaglia di orgoglio nazionale a cui sarebbe grave se continuasse a mancare il sostegno di Presidente della Repubblica e Presidente del Consiglio…”

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Pubblicato in Uncategorized

BORGHEZIO : E’ UNA VERGOGNA, MOGHERINI NON FA NULLA PER IL ‘CASO REGENI’

Mario BorghezioIntervenendo oggi nell’Aula del P.E. a Bruxelles, l’On. Borghezio ha richiamato l’attenzione del Parlamento Europeo e del Consiglio e soprattutto della Commissione Europea sul ‘caso Regeni’.

“E’ una vergogna – ha dichiarato con veemenza Borghezio – che questa Unione Europea, che pur vuole tutelare i diritti umani in tutto il mondo, stranamente tace inoperosamente sul caso del giovane ricercatore italiano Giulio Regeni barbaramente torturato e ucciso al Il Cairo”.

Borghezio ha deprecato, in particolare, il mancato intervento dell’Alto Rappresentante Mogherini: “L’ho sollecitata anche in occasione dell’audizione di ieri alla commissione Afet ma, incredibilmente, non ha detto una sola parola di impegno sul caso su cui lo stesso Governo italiano si sta attivando”.

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Bruxelles, 24.2.2016

Pubblicato in Uncategorized

BORGHEZIO : I NUOVI PROVVEDIMENTI DEL GOVERNO TEDESCO NON SERVIRANNO A NIENTE !

Mario BorghezioL’annuncio trionfale del Ministro della Giustizia tedesco Maas lascia il tempo che trova. Questi provvedimenti di indurimento delle regole di espulsione sono una soluzione a metà, e quindi una non soluzione, finché la Germania della Signora Merkel non decide di voltare seriamente pagina. Occorrerebbe infatti che la Germania avesse il coraggio di ritornare sui suoi passi e riconoscere l’errore compiuto con la politica delle porte aperte ai cd. rifugiati, i cui risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Persino in Turchia, dopo i recenti attentati, è chiaro che il terrorismo viene veicolato anche attraverso la politica dell’accoglienza tout court.

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Bruxelles, 14.01.2016

Pubblicato in Uncategorized

BORGHEZIO: EMERGE IL CASO DEI BENEFICI FISCALI DI MCDONALD’S DA ME DENUNCIATI FIN DAL MAGGIO 2015

linkiesta

“Verrebbe da dire: ‘e pur si muove!’ Finalmente la Commissione ascolta la segnalazione che avevo personalmente inoltrato la scorso maggio per denunciare la pratica elusiva, messa in atto da McDonald’s e da altre multinazionali, rispetto al mancato pagamento delle tasse sui propri proventi attraverso la connivenza lussemburghese”;

La notizia dell’apertura di un’indagine UE su McDonald’s era stata infatti sollecitata già diversi mesi fa dall’On. Borghezio che, oggi, commenta: “La commissaria UE alla Concorrenza, Margrethe Vestager, avrebbe dovuto, per eleganza, ricordare anche che la segnalazione, mia e del PE, le era già stata sottoposta diverso tempo fa e, a questa, aveva risposto in termini generici e quasi elusivi; il torpore che ha caratterizzato, in questi anni, l’atteggiamento della Commissione su ciò che accadeva in Lussemburgo a beneficio di questi grandi gruppi industriali dimostra il grado di tacita connivenza dell’UE del quale questi soggetti, nei fatti, godevano”.

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Pubblicato in Uncategorized

BORGHEZIO : IL TERRORISMO ISLAMICO SI E’ RADICATO NEI BALCANI

Mario Borghezio“C’è un pericolo, grave e attualissimo – dichiara l’On. Borghezio – rappresentato dal radicamento del terrorismo islamico nei Balcani”.

Lo scrive l’On. Borghezio a margine di un’interrogazione indirizzata all’Alto rappresentante UE per la politica estera, Federica Mogherini.

Borghezio osserva che “secondo stime di esperti in sicurezza, negli ultimi anni nei Balcani si è formata una rete solida di gruppi islamici radicali, soprattutto in Bosnia-Erzegovina, Albania e Kosovo (qui almeno 120 i jihadisti che hanno fatto ritorno dopo aver combattuto dal 2011 nelle file dello Stato islamico in Siria e Iraq). Il giornale croato “Jutarnji list” sostiene che tra i musulmani del Kosovo e Albania “ce ne sono di molto più radicalizzati che in Bosnia”. Una situazione analoga sarebbe stata riscontrata anche in Macedonia, dove parti della larga minoranza albanese (25% della popolazione) collaborano intensamente con gruppi dell’Albania. La situazione più preoccupante sarebbe stata osservata nella regione musulmana del Sangiaccato, divisa tra Montenegro, Bosnia e Serbia, dove le divisioni interne avrebbero particolarmente favorito la radicalizzazione di alcuni gruppi, in particolare dopo il trasferimento in Sangiaccato di vari leader wahabiti bosniaci. In Croazia, dove vivono circa 60 mila musulmani, una settantina di persone sono state qualificate come “islamisti estremisti” da parte dei servizi segreti” e chiede quindi : “Questa situazione coinvolge tutti Paesi candidati ad aderire all’UE. Alla luce di quanto sopra, l’Alto Rappresentante non ritiene opportuno sospendere ogni tipo di negoziato di adesione con questi Paesi?”

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

Pubblicato in Uncategorized