BORGHEZIO – JUNCKER (IN VERSIONE FIDEL) : UN PIANO CHE SPALANCA AGLI IMMIGRATI LE PORTE DELL’EUROPA

Mario Borghezio
Oggi nell’Aula di Strasburgo, logorroico come Fidel Castro, il Commissario Europeo Juncker ha sbrodolato in maniera insolitamente prolissa sul suo “piano” sull’accoglienza generalizzata in Europa ai migranti, secondo i dettami e gli interessi del mondialismo.
Solo in quest’ottica, infatti, si può comprendere il consenso che, dalla sinistra alla destra, raccoglie la svolta storica impressa, del tutto inaspettatamente, al tema dell’immigrazione su cui, fino ad oggi la posizione dell’Europa era stata ondivaga.
In tutto questo fiume di parole che ha caratterizzato il dibattito odierno c’è stato un grande assente: il diritto di noi “autoctoni” a dire la nostra su questa invasione. Per questa UE, i popoli, i nostri popoli, devono solo obbedire ai diktat imposti dall’alto, come ieri per coprire i buchi della speculazione finanziaria internazionale, così oggi per aprire le porte dell’Europa a tutti i disgraziati del terzo mondo, da sfruttare ma non certo aiutare nei loro Paesi.

On. Mario Borghezio
Deputato Lega Nord al P.E.

Bruxelles, 09.09.2015

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.