BORGHEZIO: MONTI APRA IL CONFRONTO CON TUTTO IL PARLAMENTO. ALTO RISCHIO DI FREGATURE…

Mario Borghezio
“Il compito, affidato a un gruppo di lavoro guidato da Mario Monti, di riformare il sistema delle “entrate proprie” dell’UE, rischia di partorire una proposta pericolosa, che potrebbe portare a nuove tasse “dirette” ai cittadini senza sanare i pesanti squilibri, tra cui quello relativo all’Italia, che oggi versa alle casse UE molto più di quanto riceve, con un differenziale di più di 5 miliardi di euro l’anno”. Nell’unica relazione oggi prodotta dal Gruppo di lavoro, il Prof. Monti traccia un excursus “storico” delle risorse proprie dell’UE, dichiarando inoltre la sua volontà di delegare una serie di ‘scelte-chiave’ per le conclusioni finali (la legittimità stessa del poter imporre tasse dirette che si scontra con le competenze dei singoli Paesi, il ruolo dell’euro, il coinvolgimento eventuale dei parlamenti nazionali ecc..). Ci troveremmo quindi ad avere un gruppo di esperti  – comunque nominati anche dai Governi – che, a sua volta, si avvale, e nomina, un altro di un gruppo di esperti per realizzare il mandato.

“Sarebbe inaccettabile”, conclude Borghezio, che ritiene “necessario aprire il confronto con tutto il Parlamento, non solo con la commissione competente di merito; il mandato di ‘equità e responsabilità democratica’ affidato a Monti rischia di essere tradito e sostituito dalla sua capacità, comprovata in Italia, di aumentare ‘tout court’ IVA e tasse a danno di cittadini e imprese”.

 

On. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

 

Bruxelles, 08.05.2015

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.