BORGHEZIO ALL’UE: SALVARE LA VILLA DEL CONSOLE MESSALLA

Mario Borghezio
Con un’interrogazione presentata al P.E., Borghezio segnala che ” il Comune di Ciampino (RM) ha il progetto di lottizzare l’area in cui sorgeva la casa del console Messalla – in cui scavi archeologici hanno già portato alla luce sette statue di età augustea e altri frammenti – costruendo dieci condomini di edilizia popolare per un totale di 55 mila metri quadri”.

 

E rileva che “nonostante i molteplici vincoli di tutela posti sull’area, tra cui l’inserimento della stessa nel 2000 nella mappa “ad alto rischio” della Carta Archeologica redatta per il Comune di Ciampino e le battaglie condotte da movimenti locali, la situazione sembra paralizzata tra una totale incuria dei ritrovamenti e il rinnovato desiderio di procedere con il progetto di edilizia selvaggia”.

 

Borghezio chiede alla Commissione Europea:

 

” Può la Commissione rendere noto se intende verificare che siano rispettate, da parte degli organi competenti, le normative comunitarie inerenti la tutela del patrimonio archeologico?”

 

 

On. Mario Borghezio

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.