BORGHEZIO ALL’UE : L’OPERAZIONE FUSIONE FCA INTEGRA CONCORRENZA SLEALE

Mario Borghezio

L’On. Borghezio ha presentato in data odierna un’interrogazione scritta alla Commissione Europea sostenendo che “la fusione di Fiat SpA in Fiat Partecipazioni N.V. controllata da Fiat SpA si configura, ai fini fiscali, come un’operazione di fusione transfrontaliera disciplinata dall’Articolo 178 del DPR n. 917 del 1986 (“TUIR”) che recepisce la direttiva 90/434/CE del 23 luglio 1990 (consolidata nella Direttiva 2009/133/CE, la “direttiva fusioni”)”.

Inoltre, sottolinea Borghezio “le plusvalenze su determinate attività del gruppo che ci si attende che siano trasferite al di fuori della stabile organizzazione italiana in relazione alla Fusione saranno soggette alla tassazione italiana. Tuttavia, Fiat si attende che tali plusvalenze siano largamente compensate dalla presenza di perdite fiscali all’interno del gruppo”.

 

L’On. Borghezio pone alla CE i seguenti quesiti:

“La Commissione europea non ritiene che l’operazione presenti profili di concorrenza sleale fra i Paesi dell’UE?

 

La Commissione europea non ritiene altamente probabile che l’esempio Fiat possa essere seguito da molte altre imprese?”

 

  1. Mario Borghezio

Deputato Lega Nord al P.E.

 

Bruxelles, 25.07.2014

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.