BORGHEZIO : UN’INDAGINE EUROPOL NEI CAMPI NOMADI CONTRO IL TRAFFICO DI ORGANI

Mario Borghezio

L’On. Borghezio con un’interrogazione alla Commissione, fa rilevare che “dopo il caso della bimba bionda con gli occhi azzurri strappata dalla polizia greca ai suoi sfruttatori nomadi, che ha commosso l’opinione pubblica internazionale, anche a Dublino emerge un caso quasi identico”.

 

Alla luce di ciò e tenendo anche conto della denuncia fatta dall’ex Ministro degli Interni italiano Maroni all’UNICEF “di aver avuto contezza, da Ministro, di elementi che collegherebbero ai nomadi casi di traffico di organi di minori”, Borghezio rivolge alla Commissione in via d’urgenza il seguente interrogativo:

 

“quali iniziative intende intraprendere, attraverso Europol, al fine di realizzare una più stretta ed efficace collaborazione frale polizie dei P.M. per verificare, con un’indagine a tappeto in tutti i campi nomadi esistenti in Europa, con particolare riguardo a quelli abusivi, se ed in quale misura gli stessi siano utilizzati come ‘santuari’ da parte di chi gestisce la tratta internazionale di organi di minori?”

 

“È ora – conclude Borghezio – che qualcuno violi il tabù che impedisce ai buonisti ed agli ipocriti di denunciare una realtà più che evidente e cioè che la ‘libera circolazione’, specie dopo l’allargamento dell’UE a Romania e Bulgaria, favorisce oggettivamente traffici criminali come quello del traffico degli organi umani ed in particolare di organi di minori, su cui moltissimi indizi inducono a ravvisare un collegamento con la realtà spesso del tutto incontrollata ed incontrollabile dei campi nomadi”.

 

 

 

On. Mario Borghezio

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.